Mutui casa a confronto

martedì 16 Marzo , 2010

I migliori finanziamenti a tasso variabile

Quanto si restituisce realmente al termine del mutuo

di Paolo Bellini

Iniziamo da questa settimana un valutazione comparativa dei mutui ipotecari offerti dalle principali Banche italiane con dati aggiornati al 13 marzo 2010. E non potevamo iniziare se non con i Mutui a tasso Variabile, ancora oggi lo strumento finanziario più utilizzato dagli italiani. Tasso variabile vuol dire che le condizioni del mutuo, e di conseguenza le rate, variano in base alla variazione dei parametri che formano il tasso. Il famoso “euribor” che unitamente allo “spread” determina il tasso d’interesse del mutuo. La valutazione sui mutui continuerà, nelle prossime settimane, con il confronto tra i migliori mutui a tasso Fisso e poi con quelli a tasso Misto. La logica del confronto e il metodo adottato parte da un campione di oltre 400 mutui offerti da banche grandi, medie e piccole, italiane e straniere, operazione effettuata i collaborazione con l’Ufficio studi di Anama. La simulazione sui singoli mutui è partita da questi parametri: importo finanziato, 100 mila euro;durata del mutuo a partire dai 10 anni in avanti e la copertura dell’80% del finanziamento in relazione al valore dell’immobile. Il risultato interessante è stato trovare mutui con l’intervento al 100%, quasi bandito dal Mercato dopo la recente crisi finanziaria e durate dai 30 ai 40 fino ai 50 anni con UBI banca. Il dato più significativo della ricerca e del confronto è dato comunque dal “montante”, vale a dire la reale somma che il cliente dovrà restituire alla banca al termine del finanziamento. I risultati sono eclatanti in alcuni casi e possono aiutare tutti coloro che intendono acquistare casa ricorrendo al mutuo bancario. Interessante vedere come il tasso varii dall’ 1,34% del Credem (Credito emiliano) al 2,17% del Creval (Credito Valtellinese) con 111 mila euro restituiti dal cliente al termine del mutuo (montante) con Credem contro i 118 mila euro restituiti al Credito Valtellinese, sempre per un ipotetico finanziamento di 100 mila euro iniziali. La rata mensile del Credem è di euro 616,96 mentre quella del Creval è di euro 656,82. Curioso il mutuo a 50 anni offerto da UBI banca che comunque genera una rata mensile di 651,95 per i 100 mila euro richiesti. Dalla tabella allegata si evidenzia una graduatoria che tiene a riferimento il montante, elemento il più delle volte trascurato dal cliente ma alla lunga il più significativo.

  Scarica la tabella tassi a confronto (28,7 KiB, 1.382 download)

   ,

Condividi su:

Articoli correlati

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.