Il tasso variabile è il preferito

venerdì 1 Aprile , 2011

Sono stati analizzati circa 6000 mutui risalenti al secondo semestre del 2010 per individuarne le caratteristiche tipologiche e la durata.

Il 48% sono a tasso variabile puro, il 32% a tasso variabile con CAP, il 18% a tasso fisso e solo il 2% a tasso misto.

Per quanto riguarda la durata, questa si aggira mediamente attorno ai 25,5 anni.

 

   ,

Condividi su:

Articoli correlati

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.