Cessione del quinto: il prestito per i dipendenti pubblici e statali

venerdì 27 Settembre , 2013

La cessione del quinto dello stipendio è una modalità di accesso al credito riservata a tutte le categorie di lavoratori dipendenti dello Stato, delle pubbliche amministrazioni centrali e periferiche, ma anche a chi lavora nel privato.

Si tratta nella maggior parte dei casi di un prestito agevolato e particolarmente conveniente, a patto (ovviamente) che venga aperto pattuendo le migliori condizioni attuali del mercato.

Prima di capire bene in cosa consiste, è fondamentale per poter scegliere il prestito personale per dipendenti pubblici e statali più conveniente, il confronto di un gran numero di preventivi diversi tra loro su siti dedicati come questo.

Per il resto bisogna comprendere che la cessione del quinto si basa su un sistema di riscossione del credito da parte dell’istituto erogante molto semplice; in pratica la rata mensile, pari (al massimo) al 20% dello stipendio netto del lavoratore, viene trattenuta direttamente dal datore di lavoro che la rigira poi alla banca creditrice. Il datore di lavoro assume, quindi, le vesti di garante del lavoratore stesso e ha inoltre la facoltà di poter decidere se appoggiare o meno questa tipologia di prestito.

Proprio questa struttura semplice e snella garantisce ai finanziamenti con cessione del quinto dello stipendio diversi vantaggi.

Vantaggi che vanno da un tasso di interesse fisso con ottime condizioni di mercato, alla possibilità di dilatare la restituzione del debito fino ad un massimo di 10 anni. In più, la cessione del quinto, viene spesso definita come una forma di credito non “giustificato”, a differenza di quanto invece avviene ad esempio con il mutuo; questo significa che all’atto della richiesta non è necessario fornire informazioni riguardo alle motivazioni che stanno inducendo alla richiesta di credito.

Poche sono le garanzie richieste per poter accedere al prestito: è necessario dimostrare di svolgere una attività lavorativa con contratto a tempo indeterminato e di percepire uno stipendio adeguato che possa coprire la somma del debito contratto. L’altra garanzia consiste, invece, nella stipula di un contratto di assicurazione sulla vita qualora sopravenissero situazioni come ad esempio la perdita del lavoro o il decesso del cedente,

Un‘ultima importante prerogativa dei prestiti con cessione del quinto, risiede nella possibilità di accesso a questa forma di credito anche a coloro che hanno subito in passato protesti o che sono segnalati come cattivi pagatori per assegni a vuoto o per pagamenti non soluti in passato.

   , , ,

Condividi su:

Articoli correlati

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.