Mutuo al 100% accessibile grazie a maggiori garanzie

martedì 31 Gennaio , 2017

Per acquistare una casa, normalmente si ricorre alla stipula di un contratto di mutuo ipotecario; tale prestito, accordato con la banca, non può superare l’80% del valore dell’immobile, come stabilito dal Cicr (Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio).

Nel caso in cui però, la somma erogata superi l’80% del valore dell’immobile, il contratto di mutuo può essere considerato nullo, con la conseguenza che la banca rischia di perdere il rimborso della somma prestata in eccesso.

Erogazione mutuo e perizia della banca

Prima di concedere il prestito, la banca, esegue una perizia dell’immobile, al fine di determinare il valore  effettivo del bene, evitando dunque che questo venga aumentato artificiosamente, così da ottenere un finanziamento che copra totalmente il costo della casa.

Erogare un mutuo per una percentuale superiore all’80% del valore dell’immobile, non è vietato in assoluto, ma sicuramente l’iter da seguite per ottenere un prestito maggiore è più articolato e oneroso. Infatti come prima cosa per ottenere questo genere di finanziamento è il ricorso a una fidejussione bancaria sull’importo aggiuntivo.

Erogazione mutuo al 100% e fidejussione bancaria

La fidejussione bancaria, consiste nell’avere un garante che si assuma l’onere di ripagare il debito nel caso in cui il mutuatario non fosse più in grado di farlo.

Inoltre, essendo il mutuo al 100%del valore dell’immobile, è più rischioso per la banca, e le condizioni in base alle quali verrà concesso, sono meno convenienti rispetto a quelle proposte per i mutui tradizionali (tassi d’interesse e spread maggiori) comportando un aumento complessivo del costo del mutuo.

Erogazione mutuo al 100% e Fondo di garanzia prima casa

Sono stati creati da alcune banche, mutui rivolti ai giovani, che offrono la possibilità di finanziare totalmente l’acquisto della casa, a condizione che venga attivato il Fondo di garanzia prima casa, riconfermato anche per l’anno 2017 dalla legge di Bilancio.

Il Fondo permette di ottenere dallo Stato una garanzia sul finanziamento pari al 50% della quota capitale, sempreché il valore dell’edificio non superi i 250mila euro, e che l’abitazione non sia classificata come di lusso, e appartenga alle categorie catastali A1, A8 e A9.

 

Condividi su:

Articoli correlati

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.