Per la ristrutturazioni è meglio il mutuo o il prestito?

mercoledì 18 aprile , 2018

Le detrazioni fiscali favoriscono le ristrutturazioni, per le quali si ricorre principalmente ai prestiti, per la spesa iniziale; si tratta di un’opzione obbligata, in quanto non vengono erogati mutui, al di sotto dei 30mila euro.

Il vantaggio fiscale spinge il mercato

E’ possibile ricorre alla detrazione del 50% dei costi degli interventi, addirittura il 65% in caso di eco bonus, ancora per tutto il 2018.

Durante lo scorso anno, sono state ristrutturate ben 700mila abitazioni, infatti il 23,2% delle compravendite riguardava immobili da ristrutturare.

Per quanto riguarda il credito richiesto, il 34% dei prestiti riguarda l’abitazione (24% ristrutturazione, 7% arredo e il 3% acquisto.

La ristrutturazione e i suoi vantaggi

Il patrimonio degli immobili in Italia, è oramai obsoleto, per tale ragione, gran parte degli italiani investono per migliorare la propria abitazione; infatti il 36,6% delle case ha più di 40 anni, con un consumo energetico molto alto. Il rendimento da ristrutturazione arriva fino al 10%

Riqualificazione di un immobile: un valore aggiunto

Gli interventi più gettonati sono il cambio della caldaia, quello degli infissi, il tetto o il cappotto termico, attraverso i quali si possono diminuire del 20-40% i consumi.

Il valore di una casa ristrutturata, sul mercato rappresenta un plus, superiore alle spese sostenute, in particolare nei principali capoluoghi : +10,4% a Roma, +9,8% a Napoli, +9,4% a Firenze, +9% a Milano, +8,1% a Bologna .

Nel’ambito delle abitazione a reddito, una ristrutturazione importante, può aumentare il canone di affitto fino al 50%, nelle città più dinamiche.

 

Condividi su:

Articoli correlati

Puoi essere il primo a lasciare un commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *