Il catasto

Presso l’ UFFICIO DEL CATASTO sono censiti sia l’aspetto geometrico o topografico degli immobili e dei terreni sia quello tecnico-economico. Il primo aspetto riguarda la misurazione e la rappresentazione grafica di ogni unità di base denominata “Particella catastale”, cioè una porzione continua di terreno o fabbricato situata in un medesimo Comune, appartenente allo stesso possessore, della medesima qualità o classe e con la medesima destinazione. Pertanto se più terreni e/o fabbricati pur continui ed appartenenti allo stesso possessore, non sono della stessa classe, si formano particelle diverse.

Ogni “Particella catastale” si qualifica anche in base:

  • alla localizzazione indicando una ZONA espressa da un numero;
  • ad una valutazione tipologica ed alla destinazione assegnando una CATEGORIA che per le abitazioni è formata dalla lettera A seguita da un numero e per i garage dalla lettera C seguita sempre da un numero;
  • ad una valutazione qualitativa assegnando una CLASSE contraddistinta da un numero;
  • alla CONSISTENZA indicando, per le abitazione, il numero dei vani considerati validi agli effetti catastali;
  • alla rendita imponibile, cioè la capacità della particella catastale di creare reddito.